C.I.L.A. – Comunicazione Inizio Lavori Asseverata

Gli interventi edilizi che possono essere realizzati mediante comunicazione di inizio lavori asseverata sono:
-manutenzione straordinaria (leggera) – n. 3 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– restauro e risanamento conservativo (leggero) – n. 5 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– eliminazione barriere architettoniche (pesanti) – n. 22 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– CILA clausola residuale, ovvero, interventi non riconducibili ai casi di edilizia libera, permesso di costruire o segnalazione certificata di inizio attività di cui agli artt. 6, 10 e 22 del D.P.R. 06.06.2001 n. 380 – e s.m.i.  – n. 30 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– attività di ricerca nel sottosuolo in aree interne al centro edificato – n. 31 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– movimenti di terra non pertinenti l’attività agricola – n. 32 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– serre mobili stagionali (con strutture in muratura) – n. 33 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;
– pertinenze minori – n. 34 Tabella A della sezione II – Edilizia dell’allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222;

REQUISITI:
La comunicazione deve essere presentata dal proprietario o da chi è titolare di un diritto reale sul bene oggetto di intervento.  Il diritto sul bene deve essere compatibile con la natura dell’intervento richiesto.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE:
La comunicazione può essere inoltrata tramite il servizio postale o consegnata direttamente al front-office dello Sportello Unico per l’Edilizia.

I tecnici dello Sportello Unico per l’Edilizia entro 30 giorni dalla data di presentazione provvedono alla verifica formale della CILA e in caso di accertata irregolarità, qualora possibile, invitano l’interessato a rendere l’intervento conforme alla normativa vigente entro un termine prefissato. In caso di carenza dei presupposti o qualora l’interessato non provveda ad adeguare l’intervento alla normativa vigente verrà notificato all’interessato un provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività e di ripristino dello stato dei luoghi ante-opera.

ANNOTAZIONI:
Le opere che possono essere eseguite con CILA non devono interessare parti strutturali dell’edificio, devono rispettare le prescrizioni degli strumenti urbanistici, dei regolamenti edilizi e della disciplina urbanistico-edilizia vigente e le altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia, in particolare, le norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, quelle relative all’efficienza energetica, tutela dal rischio idrogeologico, nonché le disposizioni contenute nel codice dei beno culturali e del paesaggio di cui al D. Lgs. 22.01.04 n. 42 – e s.m.i..

Le autorizzazioni o altri atti di assenso necessari per la realizzazione dell’intervento edilizio possono essere acquisiti prima della presentazione della CILA oppure richiesti contestualmente ai sensi dell’art. 23 bis del D.P.R. 06.06.2001 n. 380 – e s.m.i.; in tali casi i lavori potranno iniziare solo dopo aver ottenuto la comunicazione dell’autorizzazione o atto di assenso da parte dello Sportello Unico per l’Edilizia.

E’ possibile regolarizzare gli interventi quando siano in corso di esecuzione o già ultimati allegando l’attestazione di pagamento della sanzione amministrativa prevista dall’art. 6 bis comma 5 del D.P.R. 06.06.2001 n. 380 – e s.m.i.  (€ 333,00 per le opere in corso di esecuzione ed € 1.000 per le opere già ultimate).

 

Allegati

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA (CILA)-Giu 2017 [DOC - 285 KB - Ultima modifica: 20/07/2018]

SOGGETTI COINVOLTI - giu 2017 [DOC - 229 KB - Ultima modifica: 20/07/2018]

Contenuto inserito il 20/07/2018 aggiornato al 20/07/2018

Informazioni

Nome della tabella
Riferimenti normativi
  • D.P.R. 06.06.2001 n. 380, art. 6 bis - e s.m.i. n. 3-5-22-30-31-32-33-34 Tabella A della sezione II - Edilizia dell'allegato al D. Lgs. 25.11.2016 n. 222. L.R. 20.04.2015 n. 17 art. 5 - e s.m.i.
  • Unità organizzativa responsabile della fase istruttoria Sportello Unico Edilizia
    Telefono: 0733 223144
    Indirizzo: Morrovalle - Piazza V. Emanuele II Palazzo Podestà - 1° Piano
    E-mail: urbanistica@morrovalle.org
    Orario: lunedì - mercoledì – venerdì dalle 10:30 alle 13:30
    Responsabile del procedimento Ernesto Tosoni
    Telefono: 0733-223144
    E-mail: ernesto.tosoni@morrovalle.org
    Chi contattare Sportello Unico Edilizia
    Telefono: 0733 223144
    Indirizzo: Morrovalle - Piazza V. Emanuele II Palazzo Podestà - 1° Piano
    E-mail: urbanistica@morrovalle.org
    Orario: lunedì - mercoledì – venerdì dalle 10:30 alle 13:30
    Termine procedimentale e ogni altro termine procedimentale rilevante L'attività edilizia può essere iniziata contestualmente alla data di presentazione della comunicazione.
    Modalità per effettuare pagamenti La CILA  è soggetta al pagamento dei diritti di segreteria. Contributo di costruzione e monetizzazione standard se dovuti. Il bollo è dovuto solo in presenza di contestuale domanda di autorizzazione o altri atti di assenso necessari per la realizzazione dell'intervento edilizio.
    Documenti da presentare
  • Comunicazione in carta libera, utilizzando la modulistica unificata approvata dalla Regione Marche con D.G.R. n. 670 del 20.06.2017.
  • Titolare del potere sostitutivo in caso d'inerzia Enrico Storani
    Telefono: 0733-223135
    E-mail: enrico.storani@morrovalle.org
    Telefono: 0733-223135
    E-mail: enrico.storani@morrovalle.org
    Telefono: 0733-223135
    E-mail: enrico.storani@morrovalle.org

    torna all'inizio del contenuto
    torna all'inizio del contenuto
    Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità